Archivi autore: carlotta

corretta alimentazione in gravidanza

La corretta alimentazione in gravidanza

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

La qualità dell’alimentazione materna durante la gravidanza è uno dei fattori che può influenzare in maniera significativa la salute della gestante durante tale periodo e quella del nascituro.
L’alimentazione in gravidanza non deve discostarsi molto da quella che dovrebbe essere seguita in ogni altro periodo della vita, con la differenza che l’apporto calorico deve essere più alto e che alcuni nutrienti particolari devono essere sempre presenti.
Una vecchia credenza affermava che la donna in gravidanza debba “mangiare per due”, oggi sappiamo invece che il peso corporeo va sempre controllato perché non superi certi parametri stabiliti.
La dieta è molto importante per la fisiologica evoluzione della gravidanza, del parto e del puerperio. È quindi bene assumere una corretta quantità di calorie e fare una scelta qualitativa degli alimenti, orientata alle particolari esigenze del periodo.

È importante seguire una dieta varia e contenente tutti i principi nutritivi, suddividendo l’apporto calorico giornaliero in circa 5 pasti.

È altrettanto fondamentale mangiare lentamente, poiché l’ingestione di aria può dare un senso di gonfiore addominale.

Sono da preferire sicuramente gli alimenti freschi poiché mantengono inalterato il contenuto di vitamine e minerali, carni magre consumate ben cotte, pesci tipo sogliola, merluzzo, nasello, trota, palombo, dentice, orata cucinati arrosto, al cartoccio, al vapore o in umido.

Per quanto riguarda il latte e lo yogurt, meglio se magri; lo stesso vale per i formaggi, trai i quali si consigliano maggiormente mozzarella, ricotta, crescenza, robiola, primo sale.

È importante preferire verdura e frutta di stagione, messa a bagno con amuchina o bicarbonato. In particolare si consiglia di assumere almeno 2 porzioni di verdura (cruda o cotta) e di frutta al giorno, al fine di assumere un adeguato apporto di vitamine, sali minerali e fibre e di combattere la costipazione.

E’ concessa l’assunzione di frutta secca (mandorle, noci, nocciole..) nella misura di 30 grammi al giorno.

Si consiglia di limitare il consumo di caffè (max 2 tazzine al giorno) e tè, preferendo i prodotti decaffeinati o deteinati, poiché le sostanze nervine in essi contenuti attraversano la placenta.

Un consumo elevato di sale aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e ipertensione. Per questo è bene limitarne il consumo, preferendo il sale iodato, anche perché, durante la gravidanza e l’allattamento, il fabbisogno di iodio è maggiore.

In merito al consumo di zuccheri è di fondamentale importanza privilegiare il consumo di carboidrati complessi (come pasta, pane, patate) e di limitare il consumo di zuccheri semplici (dolci, bevande gassate, zucchero, miele, marmellata). I cereali integrali (pasta, pane, riso, biscotti..) sono da preferirsi a quelli raffinati.

Il consumo di uova non dovrebbe superare le due a settimana, sempre ben cotte, mentre è bene utilizzare esclusivamente l’olio extravergine di oliva come grasso da condimento.

In gravidanza sono consigliate le acque a media mineralizzazione, dando la preferenza a quelle definite calciche (che contengono calcio in forma particolarmente assorbibile); importante anche il giusto equilibrio tra calcio e magnesio, due oligoelementi che ‘lavorano in coppia’ e quindi dovrebbero esser presenti in quantità bilanciate fra loro.

In gravidanza, inoltre, è bene evitare il consumo di: bevande alcoliche, sushi, frutti di mare, carne cruda, salumi, formaggi molli e semi molli non pastorizzati (brie, feta, Camembert, Roquefort, gorgonzola, tome e tomini freschi), paté e salse a base di carne e pesce affumicato, il latte crudo non pastorizzato, uova crude e verdure crude non lavate, succhi di frutta non pastorizzati.

 

Forza mamme!!

estratti di frutta e verdura

IL POTERE DEGLI ESTRATTI

IL POTERE DEGLI ESTRATTI

Sempre più spesso si sente parlare dell’utilizzo di estratti di frutta e verdura quali rivitalizzanti naturali per il nostro organismo ed ottimi “spezzafame”.

Ma andiamo innanzi tutto a capire meglio cosa sono gli estratti…
A differenza delle ormai sorpassate centrifughe il cui funzionamento si basa sull’utilizzo di una lama piatta fissata alla base dell’apparecchio che ruota ad alta velocità e che fa si che durante il processo di spremitura, calore, elettricità statica e una grande quantità d’aria entrino nel contenitore di succo distruggendo le sostanze nutritive tramite ossidazione, gli estrattori lavorano con un meccanismo decisamente migliore.
Gli estrattori sono muniti di una pressa che estrae succo a freddo, a 80-60 giri o, in quelli di ultima generazione, solo a 40 giri al minuto, senza alterare le proprietà nutritive di frutta e verdura, contrariamente a ciò che avviene con le centrifughe, in cui gli enzimi vivi vengono distrutti a temperature che superano i 50 gradi centigradi. Continua a leggere

capogiro giramento di testa

Dottore, mi gira la testa

IL CAPOGIRO

Ti e’ mai capitato di sentirti come se fosti in movimento, di girare o di fluttuare anche se sei fermo, seduto o sdraiato?

Questi fastidiosi disturbi che attentano sempre più spesso al nostro benessere generale, si presentano in genere con questi principali sintomi: sudorazione improvvisa, annebbiamento repentino della vista e sensazione di vertigini, tremori, ronzio alle orecchie, nausea lieve.

I giramenti di testa possono essere molto fastidiosi, sia quelli che sorgono improvvisamente che quelli che perdurano per un certo periodo di tempo.

Individuare con precisione le cause e i rimedi per i giramenti di testa è fondamentale per prestare più attenzione al nostro benessere.

I giramenti di testa possono rappresentare un campanello d’allarme per numerosi problemi di salute, tra questi:

Continua a leggere

alternative alla farina 00

Dieci alternative alla farina 00

Quali sono le alternative alla farina 00 e perchè usarle

La farina 00 è nociva. Dietro il suo aspetto apparentemente innocuo, il suo colore candido e la sua consistenza così vaporosa e leggera, si nasconde un vero e proprio pericolo per la salute umana.

Quando mangiamo prodotti raffinati, tra cui il pane bianco, gli zuccheri presenti nel sangue aumentano improvvisamente e in maniera notevole e di conseguenza il nostro organismo produce più insulina, che porta all’incremento di grassi depositati e favorisce un rapido aumento di peso e di trigliceridi elevati. Tutto ciò può causare malattie cardiache. Inoltre, col passare del tempo, la produzione di insulina si blocca perché il pancreas è troppo carico di lavoro, provocando stati patologici come l’ipoglicemia e malattie come il diabete.
Questa farina, diffusissima nei supermercati e comunemente usata negli impieghi casalinghi, si Continua a leggere

alternativa al sale

Valide alternative al sale

Il sale è uno degli elementi indispensabili per il nostro organismo, ma se il corpo si accontenta di una dose giornaliera di non più di 4 grammi di sale, spesso si arriva ad assumerne dieci o dodici volte la quantità occorrente!

Non bisogna considerare solo la quantità ma anche la qualità del sale incide sul nostro benessere. Il sale bianco usato comunemente in cucina subisce diversi processi di raffinazione che portano alla perdita di molti minerali a favore di un maggior contenuto di sodio. Eccedere con il sale bianco significa danneggiare la salute con il rischio di patologie legate all’ipertensione e a problemi cardio-vascolari. Per il nostro benessere è bene quindi cercare di limitare il più possibile l’aggiunta di sale nei cibi riscoprendo dei sapori a cui non siamo più abituati. Per questo la riduzione del sale è un percorso che deve essere affrontato gradualmente e che parte da un primo semplice passo: Continua a leggere

cereali integrali e glicemia

Alimenti utili per controllare la glicemia

La lista dei dieci alimenti che aiutano a controllare la glicemia

 

TOPINAMBUR

topinambur e glicemiaQuesta pianta, costituita da acqua, proteine, zuccheri, carboidrati e fibre alimentari, è ricca anche di aminoacidi, vitamine A e B, potassio, magnesio e ferro.
Il topinambur è una pianta consigliata nelle diete perché fornisce poche calorie, pulisce l’intestino e contiene l’inulina, molecola nutritiva che aiuta a conferire senso di sazietà. Innumerevoli sono le sue proprietà benefiche: questo ortaggio, infatti, aiuta ad abbassare l’assorbimento di zuccheri, trigliceridi e colesterolo, migliora le funzioni della vista, è un ricostituente naturale in caso di spossatezza fisica, anemia o stress eccessivo. E’ un alimento ben tollerato dall’organismo, alleato del fegato e utile in caso di stitichezza. Favorisce, inoltre, la digestione riequilibrando la flora intestinale ed è particolarmente indicato per chi soffre di disturbi intestinali.

Continua a leggere

prevenire diabete consumare grassi sani

5 abitudini che prevengono il diabete

Svolgere regolare esercizio fisico, meglio se aerobico

prevenire diabete esercizio fisicoDiversi studi scientifici hanno dimostrato che l’attività fisica è una delle vie privilegiate per prevenire il diabete, insieme all’alimentazione. Una nuova ricerca sul rapporto tra vita sedentaria e salute cardio-metabolica prova ora che anche la semplice riduzione di 90 minuti al giorno del tempo trascorso seduti o sdraiati,per esempio alzandosi ogni mezz’ora e muovendo qualche passo in ufficio o cogliendo l’occasione per qualche pulizia domestica, diminuisce le probabilità di sviluppare il diabete.

  Continua a leggere

Perdere peso: gli strumenti giusti

perdere peso massa grassa magraCapita piuttosto frequentemente di abbandonare un programma dietologico perché l’ago della bilancia non si sposta come vorremmo.

L’ago della bilancia pesa e si sposta in funzione della massa corporea e non solo del grasso, pertanto situazioni che modificano l’acqua (il ciclo mestruale nella donna ) o la massa muscolare ( in chi pratica attività fisica) possono mascherare una perdita di massa grassa.

E’ bene, quindi, approfondire l’indagine eseguendo la misurazione della composizione corporea (bioimpedenziometria). La composizione corporea quantifica le percentuali dei vari distretti corporei (massa grassa, massa cellulare, acqua extra e intracellulare) e ci permette di valutare lo stato nutrizionale del soggetto.

perdere peso massa grassa magraL’intervento nutrizionale, pertanto, non è limitato soltanto alla perdita di peso, ma soprattutto alla perdita della massa grassa. Per questo è importante non considerare soltanto la misurazione del peso corporeo quanto l’insieme delle misure antropometriche e la stima della composizione corporea, correlando il tutto all’età, al sesso e allo stile di vita del soggetto.

 Durante la visita verranno effettuate:
– Misurazione del peso e dell’altezza;
– Calcolo del BMI (indice di massa corporea);
– Bioimpedenziometria (misurazione della composizione corporea);
– Plicometria (misurazione della massa grassa sottocutanea mediante l’utilizzo del plicometro);
– Misurazione delle circonferenze corporee: circonferenza vita, fianchi, braccio, coscia.

Nutrizionista a Latina

Nutrizionista Dottoressa Carlotta Pibiri

E’ possibile prenotare un colloquio gratuito al fine di introdurre il paziente nel mondo della nutrizione . Sarà così possibile individuare il percorso più appropriato in base alle caratteristiche ed alle richieste del paziente.

Contattami per info e senza impegno al nr. 320.7243218.

Principali servizi offerti: Continua a leggere

L’Equilibrio Acido-Base

L’Equilibrio Acido-Base

L’organismo umano si adopera costantemente per bilanciare l’acidità e l’alcalinità, infatti, per poter sopravvivere il sangue e le cellule devono essere leggermente alcalini (il Ph del sangue arterioso varia da 7,30 a 7,45).

Abitudini di vita non equilibrate come l’eccessiva assunzione di alimenti acidificanti, il fumo, lo stress, l’inquinamento ambientale ecc. portano alla produzione di residui acidi che il nostro organismo elimina attraverso l’urina, la respirazione e il sudore al fine di mantenere l’alcalinità sanguigna.

Continua a leggere